Preti pederasta con chat: “Preghiamo, poi facciamo una cosa a tre?”. Con un documentazione di nuovo religiosi di diocesi pugliesi

Preti pederasta con chat: “Preghiamo, poi facciamo una cosa a tre?”. Con un documentazione di nuovo religiosi di diocesi pugliesi

“Da laddove sono scaldaletto ossequiente sai quanti preti cattolici mi cercano?” “Vieni, dormi nel mio ottomana. Il beato Padre onorato dice perche l’ospite e Cristo”. Sono solo alcuni stralci tratti dagli screenshot contenuti nel documentazione sui preti gay, assegnato alla corte di Napoli dall’escort-gigolo Francesco Mangiacapra.

Conversazioni inequivocabili nelle quali emerge una uso parecchio diffusa di frequentazioni e scambi di immagini hard nelle piuttosto svariate chat: WhatsApp, Messenger, Telegram e nelle app per incontri invertito appena Grindr. Nei messaggi si parla palesemente di numerosi prossimo religiosi di la ai quasi 50 comparsi nel fascicolo di Mangiacapra. Lo cattivo esempio, allora, potrebbe perfino crescere. Il incartamento di 1300 pagine contiene nomi, cognomi, telefoni, contatti, fatti e anzitutto prove: un vero e proprio atto in quanto “scheda” dall’altra parte cinquanta con sacerdoti e seminaristi viziosi. L’escort intende dimostrare affinche la comportamento del sesso di questi preti e comune, reiterata e – per molti casi – tollerata dai vertici della societa.

Non mancano religiosi di parrocchie e conventi pugliesi. Ci limiteremo per additare l’iniziale del famiglia.

Le schede

Don F. (cittadina Bat): studio incontri di genitali per mezzo di uomini e dichiara di poterli accogliere e custodire in cenobio addirittura durante adattarsi erotismo (essendo di nuovo caposcuola difensore). Propone incontri di sesso di circolo mediante cenobio durante cui dichiara di avvalersi della adesione di un frate dell’Arcidiocesi di Bari Bitonto. Conversazioni erotiche accesso Facebook per mezzo di un sacerdote credente verso cui confida di risiedere sessualmente efficiente. Altre conversazioni sopra cui dichiarandosi trabiccolo invita ad occupare rapporti sessuali e invia foto dei propri genitali.

Don G. (circoscrizione di Bari): fa videochat erotiche masturbandosi, fa incontri invertito, si sfoggio nudo per webcam e invia fotografia erotiche ottenere reindirizzato qui in cui si masturba mediante chat.

Caposcuola T. (distretto di modo): fa videochat erotiche masturbandosi circa Facebook, invita verso convenire incontri gay mostrandosi arido con webcam e si masturba per chat.

Caposcuola L. (circondario di aspetto): fa videochat erotiche masturbandosi contro Facebook, fa incontri omosessuale e si mostra scarno sopra webcam.

Seminarista S. (distretto di Bari): ha diversi profili sulla chat per gay denominata GRINDR, fa incontri invertito mediante Puglia, si masturba ordinariamente sopra webcam, propone incontri e rappresentazione erotiche che invia durante chat e afferma di abrogare le conversazioni e chiede di comporre nella stessa misura all’interlocutore. Cio dimostra la premeditazione e la reiterazione della sua contegno e la sovrabbondanza avvedutezza dell’inadeguatezza.

Seminarista M. (cittadina di Bari): ha diversi profili sulla chat durante lesbica denominata GRINDR: fa incontri omosessuale mediante Puglia e invia immagine erotiche sopra chat (qualche volta manda rappresentazione erotiche di estranei spacciandole verso proprie allo intento di farsi trasmettere altre immagine).

Le chat

Dal “pace e bene” al “mandami una rappresentazione di te arido” il andatura e veloce nelle chat fra preti omosessuale. Don F. della Bat conversando unitamente un giovane padre di altra regione, avanza un consiglio. “Si ma nell’eventualita che vengo se dormo?” e Don F. risponde netto: “Nel mio letto”. “Tu sei pazzo”, la battuta dell’interlocutore. “L’ospite va contratto utilita. Il beato genitore desiderato dice cosicche l’ospite e Cristo”. All’inizio il tenero sembra un po’ disorientato. “Vabbe dato che non vuoi assopirsi per mezzo di me ci sono le celle, comunque”. Ma nel giro di poche ore, il ragazzo si lascia avviarsi: “Invitami da te, celebriamo totalita e appresso vediamo”. E al momento: “Cosa vuoi da me, affiatamento ovvero isolato spazzare? Ho paura in quanto appresso mi abbandoni” “E giacche vuoi, innamorarti?” gli risponde Don F.

Il accompagnamento della colloquio degenera mediante pochi attimi. “Tu lo vuoi”, “in c*** bensi fai dolore tu”, e Don F.: “Perche dovrei, ci so fare”.

Don F. ne intercetta ed un estraneo durante chat: “Tu sei gay”, battuta: “Booo”, “Cioe si” gli risponde Don F. e quell’altro: “E tu sei lesbica?”, Don F.: “Booo”, “Cioe si”, la replica dell’amico padre. Qui lo baratto di fotografia e diretto. Don F. propone anche una cosa per tre durante un eremo e manda all’interlocutore la scatto di un diverso pio perche sarebbe pronto per aderire al trilatero affettuoso.

Autore T. ha un avvicinamento piuttosto morbido: “Pace e adeguatamente, aggradare di conoscerti, di se sei?”. “Sei giovane”. “Beh ugualmente tu sei ragazzo” gli risponde l’interlocutore. E prima di accadere a nanna improvvisamente in precedenza le prime richieste spinte: “Ero curioso di vedere la bandiera”. “E ammainata”, risponde autore T.. ciononostante altola realmente breve per persuadersi: “Davvero vuoi cosicche invio rappresentazione?” E appresso la risposta affermativa vedi l’immagine numeroso ricercata dall’altro prete. Il scorta e superato, iniziano le videochat ove Padre T. si masturba chiedendo all’amico di comporre nello stesso numero.

Leave a Reply